NUOVO VESCOVO DELLA DIOCESI DI PIACENZA-BOBBIO

MONS. ADRIANO CEVOLOTTO: SALUTO ALLA DIOCESI


Alle sorelle e ai fratelli in Cristo della Chiesa che è in Piacenza-Bobbio


Vi raggiunga il mio cordiale e trepidante saluto nel momento dell’annuncio della mia nomina a Vescovo di Piacenza-Bobbio. Quello che sta accadendo è motivo di sorpresa, di curiosità e di attesa. Per quanto mi riguarda mi sto comprendendo dentro alla logica della chiamata. Oggi il Risorto si affaccia alla mia esistenza di prete con una nuova vocazione: una chiamata a seguirlo che prevede un lasciare ed insieme è accompagnata da una promessa. La promessa di un centuplo. Ma questo centuplo c’è già! Siete voi.La promessa la vivremo insieme. La promessa del Signore è una Chiesa con una lunga storia sulla quale desideriamo costruire il futuro in una memoria grata (EvangeliumGaudium13).


Stiamo uscendo da un tempo di prova che ci sta trasformando. Che ha messo in discussione ulteriori certezze oltre a quelle smarrite in questo tempo di radicali e repentine trasformazioni. Ed è proprio in questo tempo singolare che il Signore mi ha chiamato ad esservi pastore, imparando da capo con voi ad essere discepolo, con in cuore la certezza che Egli non farà mancare ciò di cui c’è bisogno: la gioia (del Vangelo), la fiducia e la speranza per saper osare.Per questo Egli ci ha affidati gli uni agli altri.


Giungo tra voi e trovo una comunità cristiana e presbiterale segnata dal lutto. Ma allo stesso tempo segnata e rafforzata dalla testimonianza di carità e di dedizione di tante persone. Il mio saluto va innanzitutto a chi è stato attraversato nella propria carne e nei propri affetti dalla sofferenza e dal dolore.


Il saluto pieno di sincera gratitudine al Vescovo Gianni che mi ha preceduto e dal quale raccoglierò la passione per Gesù e il suo Vangelo e il testimone della fedeltà apostolica.


Il saluto, nell’attesa di incontrarci, a tutti e, idealmente, a ciascuno. In particolare al presbiterio, ai diaconi permanenti, a coloro che testimoniano in un preciso carisma la vita consacrata. Il mio ricordo va ai Fidei Donum e ai tanti missionari e missionarie laici e religiosi sparsi nel mondo.


Un saluto cordiale ai giovani e tra questi ai seminaristi e a quanti stanno dando ascolto a domande di senso, ad interrogativi vocazionali.


Un saluto ai genitori che in questo periodo hanno sperimentato, in un contesto straordinario, il peso e la gioia della responsabilità educativa. Agli sposi felicemente confermati nella promessa di amore, come pure a quelli smarriti e che stanno cercando di ritrovarsi.


Non vorrei dimenticare nessuno. E perciò il mio pensiero va anche a coloro che per vari motivi si sentono poco o per nulla partecipi della vita ecclesiale. A loro il mio cordiale saluto e l’auspicio che potremo percorrere insieme sentieri di umanità, che potremo pensare e condividere progetti di convivenza civile, sociale e culturale per aiutare la città e il territorio a ripartire con uno sguardo fiducioso verso una direzione da cercare insieme.


Vi confido che ho in cuore una gioia: pur non conoscendovi ancora, voi siete entrati nella mia preghiera da tempo. Da quando, giovane seminarista, sono stato invitato a pregare per quanti il Signore mi avrebbe fatto incontrare ed, eventualmente, avrebbe affidato al mio ministero. Per questa ragione mi siete già familiari ei nostri futuri incontri sono già stati preceduti e custoditi nella preghiera.


Se a papa Francesco va il ringraziamento per la fiducia riposta nella mia persona, non posso nascondere che in questi giorni è forte la consapevolezza della sproporzione tra ciò che sono e il compito che mi è affidato. Per questo motivo vi chiedo una speciale preghiera di intercessione, la chiedo in particolar modo alle persone anziane e ammalate la cui voce è ascoltata dal Padre che sta nei cieli.


E affido a Maria, che oggi veneriamo con il titolo di Vergine del Carmelo, ai SS. patroni Antonino, Giustina e Colombano e al beato vescovo Scalabrini il cammino che il Signore sta aprendo davanti a noi, certi che il suo buon esito dipenderà dal rimanere al nostro posto: dietro a Lui.


A presto!


d.Adriano Cevolotto


———————————


Dal 18 maggio è possibile riprendere le SS. Messe dopo la pausa forzata dovuta al Coronavirus.

 

Orari

Martedì, mercoledì e venerdì ore 8.30 a Calendasco.

Giovedì ore 15.30 all'Istituto Sereni Orizzonti di Calendasco.

Sabato e prefestivi ore 17,00 a Boscone Cusani.

Domenica e festivi ore 9.30 a Cotrebbia e Santimento (si alternano parroco e diacono) e ore 10.30 a Calendasco.

 

Orari delle Messe a San Nicolò

Feriali ore 18.30
Prefestivi ore 17.00 e ore 18.00

Festivi ore 8.00, 9.00, 10.00, 11.15, 17.00 e 18.00

 

Purtroppo non si potrà riprendere da subito nel modo consueto ma dovremo accettare diverse limitazioni:


- Gli ingressi saranno contingentati in base alla capienza delle chiese considerando che bisognerà rispettare la distanza di sicurezza di un metro (la capienza massima è indicata all'ingresso di ogni chiesa).

- Sarà obbligatorio indossare la mascherina.

- Sarà vietato l'ingresso a chi ha la temperatura maggiore di 37,5 °C, a chi presenta sintomi influenzali, a chi ha avuto contatti negli ultimi 15 giorni con persone positive al virus, a chi proviene da zone a rischio secondo le indicazioni dell'OMS.
- Non si farà lo scambio della pace.
- Non potrà esserci un coro.
- Non si potranno distribuire sussidi di nessun genere.
- Le acquasantiere saranno vuote.
- Non si potrà partecipare alle funzioni rimanendo in piedi ma bisognerà occupare i posti segnalati.
- Non si potranno creare assembramenti in chiesa o sul sagrato prima o dopo le funzioni.
- Sarà necessario entrare ed uscire uno per volta sempre rispettando la distanza di un metro.

 

Altre indicazioni saranno fornite verbalmente da chi presiede la funzione.

 

Si ricorda che, fino a nuove indicazioni, il precetto domenicale è sospeso.


La chiesa di Calendasco è pronta per la fase 2




Liturgia del giorno

Liturgia delle ore

Santo del giorno

Papa Francesco